venerdì 18 febbraio 2011

"SE NON ORA, QUANDO?" 13 Febbraio 2011 intervento di: Alessandra Bocchetti

.

Ci ho messo qualche giorno a trascriverlo a suon di play-pause-play-pause, ma alla fine eccolo. Cosa?
Semplice uno degli interventi alla manifestazione del 13 febbraio "SE NON ORA. QUANDO?" per la  precisione quello di Alessandra Bocchetti.




« Se una donna che ha un’ambizione realizza questo desiderio attraverso altre donne, se si troverà quindi, in debito con le sue simili per la sua riuscita, non potrà/vorrà più sfuggire alla sua appartenenza; riconoscendo la fonte femminile della sua riuscita , non potrà più volere essere una “donna diversa dalle altre”, ma si ritroverà una “donna delle donne” »


Alessandra Bocchetti
“Cosa vuole una donna” (qui)











"SE NON ORA, QUANDO?" 13 Febbraio 2011
Roma - Piazza del Popolo, intervento di:
Alessandra Bocchetti


“Bentornate.
In questo periodo il nostro paese sembra essere governato dalla debolezza degli uomini più che dalla loro capacità, la debolezza degli uomini è oggi sotto gli occhi di tutti e che altra ragione dare a questi spettacoli indecenti e patetici, a cui assistiamo da ormai da troppo tempo e che mettono per di più a rischio il paese, la sua democrazia e la sua credibilità.
Spettacoli ridicoli che ci offre non solo l’attore principale, ma anche chi si impegna in una sua difesa surreale.
Ma detto ciò non dobbiamo dimenticare anche la responsabilità di una classe politica che non ha saputo arginare questo fenomeno e che continua a non trovare forme e modi efficaci di una vera opposizione.
In questo clima di avanspettacolo dobbiamo però fare molta attenzione che la farsa non copra la vera indecenza, perché la vera indecenza sono le scelte economiche di questo paese. Da un po’ di tempo governi di destra e governi di sinistra tagliano sempre laddove un paese civile dovrebbe investire: tagli alla scuola, all’assistenza, alla ricerca, alle politiche di sostegno alle famiglie, alle politiche di conciliazione hanno fatto diventare le donne funambole, equilibriste, velociste, sante che fanno miracoli.
Gli uomini sono fragili, ogni donna lo sa, ma è proprio per questo che sono così attaccati al potere. Il potere è la loro terza gamba, la loro protesi. Il potere serve a loro per significare la forza che non hanno, è per questo che gli uomini sono così attaccati al potere, come nessuna donna lo sarà mai. Ma una società di uomini e di donne non può essere governata da soli uomini, o da tanti uomini e poche donne al seguito, magari uscite dalla testa del padre. Dobbiamo costruire un equilibrio di rappresentanza vero se vogliamo una società migliore per tutti, dobbiamo trasformare in politica la nostra esperienza, le nostre necessità. Sono convinta che se si desse ascolto alla necessità delle donne si potrebbe fare un magnifico programma di governo, ma le prime a doversi convincere di questo siamo proprio noi!
Se amiamo ancora questo paese dobbiamo imparare a governarlo in fretta, le donne che ne sentono l’energia e il desiderio devono farlo. E’ un impegno che ci dobbiamo prendere non solo per ambizione, ma soprattutto per necessità.
Ci troviamo in un disastro, ma di questo disastro non siamo del tutto innocenti neanche noi, infatti in questa società sembriamo non esserci, non c’è alcuna misura di donna nella sua organizzazione, nei suoi criteri, nelle sue forme, nei suoi tempi. Siamo state fin ora troppo timide, troppo fiduciose, troppo conniventi, troppo deleganti, troppo ubbidienti.
Quando ci hanno chiesto un passo indietro l’abbiamo fatto subito e le esigenze degli altri ci sono sempre sembrate più urgenti delle nostre e, le donne impegnate nei partiti  hanno curato più il partito che gli interessi delle loro simili. Non capendo che se l’avessero fatto avrebbero reso il loro partito più capace di governare; non l’hanno fatto, oppure, hanno fatto quello che potevano, ma è stato troppo poco, non è bastato. L’equivoco, sapete quale è stato? E’ stata l’idea dell’uguaglianza fra i sessi, gli uomini non ci hanno mai creduto, ma noi donne sì che ci abbiamo creduto, quindi non ci siamo sentite troppo in difetto se lasciavamo governare gli uomini, ma oggi sappiamo più che mai che nessun uomo può rappresentare una donna. Oggi ci è chiaro che uguali non siamo, siamo differenti: per corpo, per esperienza, per storia. Quella delle donne non è stata una storia facile, da poco siamo libere, non ce ne dobbiamo dimenticare, siamo libere da pochissimo tempo e l’esperienza di nascere donna in una società come questa non è ancora e continua a non essere rose e fiori. Però, come sempre, la fatica non è sterile, dà sempre qualcosa; sono convinta che ogni donna sa della vita più di ogni uomo perché ha guardato sempre l’umanità da vicino dalla nascita alla morte e conosce lo splendore e la miseria dei corpi. La cura dei corpi è stata nel corso della storia la nostra servitù, ma è stata anche la fonte di grande sapere; così la nostra forza è radicata nella necessità di nascere, mangiare, dormire, saper piangere, ridere, saper morire. E’ una forza grandissima e adesso più che mai dobbiamo sentircela addosso e dobbiamo spenderla!
Infatti in politica si deve arrivare con la coscienza di avere le mani piene, si deve avere qualcosa da offrire, non ci si deve arrivare con le mani vuote. Se chiediamo alla politica identità, conferme, rassicurazioni saremo sempre ricattabili, sempre troppo ubbidienti, sempre troppo piene di gratitudine. Impariamo a darle noi rassicurazioni e conferme, diamo noi una via da seguire, non chiediamola.
Cari uomini, se volete bene a questo paese, fate voi un passo indietro.
Già mi sembra di sentire la risposta, risposta entusiasta a questo invito, diranno di sì, che ci faranno spazio, ma non credetegli perché non lo faranno mai! Per questo ci vuole una spallata, adesso è proprio ora di dargliela questa spallata, ma non solo a Berlusconi anche agli uomini più vicini a noi che occupano troppi posti, troppi luoghi, ben coscienti di stare seduti sul loro tesoro, cioè una poltrona.
Le donne sono troppo poche, in tutti i luoghi delle istituzioni, l’hanno detto: assenti o scarse nei consigli d’amministrazione, nei punti decisionali.
Non è detto che le donne faranno meglio degli uomini: ce ne saranno di brave, di mediocri e di pessime; siamo umane e non divine. Ma la politica è lo specchio della società e nella società le donne ci sono, anzi, non c’è società senza donne.
Per quanto mi riguarda non voterò più un partito che non garantisca una forte presenza di donne al Governo di questo paese e non ho detto liste elettorali ho detto Governo. E intendo donne che magari escono da severe scuole di amministrazione dello Stato e non dal concorso di Miss Italia o dal letto sfatto del potente di turno.
Mi dicono che devo credere che le ragazze di Arcore hanno fatto una scelta di libertà. Ho lavorato tutta una vita per la libertà delle donne, ma devo confessare che la scelta di queste ragazze non mi ripaga nemmeno un po’ della mia fatica. Se mia madre avesse scelto quel genere di libertà non sarebbe stata per me un esempio, se mia figlia avesse scelto quel genere di libertà sarebbe stata per me causa di grande dolore e i sentimenti contano!
Buona fortuna a tutte perché anche la fortuna ci vuole!"

martedì 15 febbraio 2011

Nasce il comitato permanente «Se non ora quando?»

.
Ci sono articoli che si leggono con un entusiasmo particolare e che rigiro ne "L'eco del silenzio" con altrettanto godimento, questo che sto per proporvi appartiene ad entrambe le categorie.
Consiglio a tutti il blog di Giovanna Cosenza (DIS.AMB.IGUANDO), perché le sue considerazioni ed analisi, sebbene sempre molto precise e "tecniche", sono però esposte in un linguaggio chiaro e comprensibile, che le rende perfettamente comprensibili anche al lettore profano.


Sentite che bell'aria che si respira dopo domenica? Credo sia intrisa di speranza!

---------------------------------


da DIS.AMB.IGUANDO (qui)
del 15 febbraio 2011

Nasce il comitato permanente «Se non ora quando?»

Ho ricevuto stamattina dalla rete Filomena un comunicato del comitato «Se non ora quando?», che da promotore si fa permanente. Il che mi lascia ben sperare a proposito di future – e non troppo lontane – iniziative che diano seguito alla mobilitazione del 13 febbraio.

Iniziative che siano capillari, continue, martellanti, come ieri auspicavo. Più trasversali e meno legate all’antiberlusconismo, più capaci di coinvolgere anche donne e uomini di destra.

Iniziative che non siano solo di piazza, ma di pressione, lobbying, azione politica, per trasformarsi in proposte di legge e soluzioni concrete: tutto ciò che si può fare affinché il nostro paese possa risalire, un po’ alla volta, da quel terribile 74° posto in cui ora si trova – non mi stancherò di ripeterlo – nella classifica mondiale stilata nel 2010 dal World Economic Forum in base a quattro parametri: partecipazione e opportunità economica delle donne, accesso all’educazione, salute, accesso al potere politico (per i dettagli, vedi il Gender Gap Report 2010).

Ecco il comunicato:

«Se non ora quando?»: più di un milione di donne e uomini dalle piazze italiane e moltissimi anche da quelle straniere hanno risposto all’appello in difesa della dignità delle donne dicendo: «Sì, adesso». A loro va il nostro grazie.
Tutta la politica deve confrontarsi da oggi con la realtà emersa dalle piazze del 13 febbraio, che non può essere né elusa né minimizzata. La richiesta di quelle piazze riguarda una pluralità di temi, dal rispetto dell’etica pubblica al lavoro, dai diritti delle donne, all’immagine femminile diffusa dai media e dalla pubblicità, fino alla selezione delle classi dirigenti, sui quali sono necessarie, da parte delle istituzioni e delle forze politiche e sociali, parole e fatti senza ambiguità.
Il Comitato promotore SE NON ORA QUANDO 13 FEBBRAIO è pienamente consapevole della responsabilità che gli attribuisce una così grande, appassionata, spontanea, sincera, mobilitazione di cittadine e cittadini e per questo ha deciso di diventare permanente: nasce oggi il Comitato SE NON ORA QUANDO 13 FEBBRAIO, con l’obbiettivo di valorizzare le energie che si sono straordinarie espresse domenica scorsa nelle nostre città.
È il momento per tutte e tutti di impegnarsi per cambiare culture e politiche e per abbattere vecchi steccati e divisioni. È il momento di rivendicare anche in Italia ciò che è la normalità in tutta Europa, dove le donne contano, decidono, “esistono” e nessuno si sogna di proporle come puro elemento decorativo della politica o della società.


Il Comitato:
Francesca Comencini – Silvia Costa – Serena Sapegno – Nicoletta Dentico – Cristina Comencini – Francesca Izzo – Viviana Simonelli – Roberta Agostini – Valeria Fedeli – Elisa Davoglio – Titti Di Salvo – Cecilia D’Elia – Flavia Perina – Licia Conte – Donatina Persichetti – Elisabetta Addis – Sara Ventrone – Ilaria Ravarino – Carlotta Cerquetti – Loredana Taddei – Patrizia Cafiero – Fabrizia Giuliani – Ilenia De Bernardis – Francesca Caferri

.

Siria, in carcere la blogger 19enne

.
da Corriere della Sera.it (qui)
del 14 febbraio 2011

Siria, 5 anni di carcere la blogger 19enne

Accusata di spionaggio, Tal al-Mallouhi è già in cella. Obama aveva chiesto la liberazione «immediata»


Tal al-Mallouhi, blogger siriana di 19 anni, è stata condannata a cinque anni di carcere per «cooperazione con un paese straniero», ovvero gli Stati Uniti, dalla Corte suprema di Sicurezza dello Stato di Damasco. Lo ha reso noto il Syrian Observatory for Human Rights. La giovane, era stata arrestata nel dicembre del 2009 dalle autorità siriane, ed è nipote di un ex ministro, ha ricordato l'Osservatorio, che opera da Londra e ha inviato un comunicato sulla vicenda a Nicosia. In ottobre il giornale siriano Al Watan aveva annunciato che Tal al-Mallouhi era stata accusata di spionaggio per conto dell'Ambasciata americana in Egitto.

«RILASCIO IMMEDIATO» - In difesa della 19enne era scesa in campo anche l'amministrazione Obama che ne aveva chiesto la liberazione «immediata». Secondo le organizzazioni per i diritti umani, la Corte Suprema è un tribunale speciale che non offre garanzie processuali. Human Rights Watch ha raccontato che la blogger, arrestata il 27 dicembre 2009, è stata tenuta a lungo senza contatti con l'esterno.

Redazione online 
.

About Me

Le mie foto
Lucia
L'eco del silenzio è un luogo che nasce con l'intento di offrire, nel suo piccolo, maggiore visibilità a quelle notizie che incontro e reputo tanto interessanti quanto silenziose.
Visualizza il mio profilo completo

Etichette

#rogodilibri (8) 28 Febbraio (1) 8 Marzo (2) Adelaide Spallino (1) Afghanistan (2) AIDS (2) AIVITER (1) Alessandra Bocchetti (1) Amazzonia (1) Amnesty International (4) Anita-nonewsgoodnews (1) ANSA (1) antifascismo (1) Antonio Rodriguez Menendez (3) Audre Lorde (1) avvelenamento (1) Ayat al-Ghermezi (1) Bahrain (1) Ballard (1) Bartleby (1) Battisti (1) biblioteche veneziane (6) blog (22) blogger (2) Bomprezzi (2) Book bloc (1) Boscimani (1) Botswana (1) Calabria (1) Carlotto (1) Carmelo Pace (1) Carmilla (1) carmillaonline (2) Carta dei diritti della Lettura (6) CasaPound (1) Censura mediatica (3) citizen journalism (1) Ciudad Juarez (2) Coisp (1) Congo (2) contrassegno per portatori di handicap (1) Corriere della Sera (1) Costituzione (2) CREPE (1) crisidimenticate.it (2) Cure palliative (2) diamanti (1) dignità (6) Diritti dei morenti (2) Diritti umani (16) diritto all'acqua (1) disabilità (4) Donazzan (6) donne (10) donne che dicono Basta (2) Donne di carta (6) dossier (1) ecomafia (1) elezioni (1) Emergency (26) energia (1) Fahrenheit (1) Farc (1) Femminicidio (4) Fondazione Floriani (2) Gaetano Badalamenti (3) Ginsborg (1) Giorgia Vezzoli (1) Giornalettismo.com (2) Giornata della memoria per le vittime del terrorismo (3) Giornata delle malattie rare (1) Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (1) Giorno della memoria (1) Giovanna Cosenza (1) Giulia Innocenzi (1) Global Voices (1) greenreport.it (2) Grimaldi (1) Hannah Arendt (1) Il Fatto (2) Il Sole 24 ORE.com (3) Immigrazione (7) Info (23) informazione (71) INFORMAZIONE LIBERA (2) infotainment (1) inquinamento del mare (1) internazionale El Paìs (1) io non ci sto (7) ioscrivo (14) Iran (1) Italia (18) Kalahari (1) L'espresso (2) L'Unità (1) La fine dell'isola felice (1) La Repubblica (8) La Stampa (3) las personas-libro (2) Lav (1) LEDHA (1) Legambiente (2) legge 4 maggio 2007 n.56 (2) Lester Brown (1) Libera (1) libertà di stampa (3) Libia (1) Lipperatura (2) Lipperini (7) Lo sbarco (1) Lucarelli (1) Madre de Dios (1) mafia (5) malattie tropicali (2) malnutrizione (2) Manifestazione piazza S.Giovanni (5) manifestazioni studentesche (1) mare (1) Marton (2) massacri (1) Medici senza frontiere (2) Messico (1) micromega (2) Monsanto (1) MSF (2) Murgia (2) narcos (1) ndrangheta (1) Nigeria (1) Oggi scienza (1) olocausto (2) Osservatorio Europeo sulla Sicurezza (1) Pakistan (2) Paolini (4) Paride Costa (2) Peacereporter (17) Peppino Impastato (3) persone libro (3) Perù (1) Piano B 4.0 (1) Poesia (1) Poetry Attack (2) Preganziol (3) Presseurop (1) Primo Levi (1) prostituzione (1) Proteste (8) Proyecto Fahrenheit 451 (4) Razzismo (1) rifiuti tossici (2) Rivoluzione (1) Rivoluzione culturale (2) rlwebradio (21) Rodotà (1) RSF (2) Saviano (5) Scarpa (1) schiavitù (2) Sciopero (2) scorie radioattive (1) scrittori contro il rogo (1) se non ora quando (5) Sepulveda (1) sesso e disabilità (1) sfruttamento (2) Shirin Ebadi (1) Sicilia (1) Siria (1) SMA (1) Somalia (2) sostenibilità (2) Speranzon (2) SpoletoCITY (1) Sri Lanka (2) Sudan (4) Survival (1) Susana Chávez (1) Tal al-Mallouhi (1) terremoto Abruzzo (2) testimonianze (5) tg24 - sky.it (1) The New York Times (1) tortura (1) Treviso (2) Udc (1) uguaglianza giuridica (1) USA (2) Veneto (5) video (4) Vita da streghe (1) Vita.it (1) Wu Ming (2) Wu Ming Carmilla (1) Yemen (2) Zaia (1) Zamberlan (2)
Si è verificato un errore nel gadget

Visitate!